'Comuni sicuri', 27 milioni per incrementare la videosorveglianza - Cronaca KriTere.com

    I Comuni hanno tempo fino al prossimo 10 dicembre per presentare le richieste di ammissione ai finanziamenti statali per il 2021, finalizzati alla realizzazione dei sistemi di videosorveglianza urbana e destinati alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria. Le risorse ammontano a 27 milioni. Lo fa sapere il Viminale.
    L'installazione dei sistemi di videosorveglianza deve essere prevista nell'ambito dei patti per la sicurezza urbana sottoscritti tra il prefetto e il sindaco. I relativi progetti dovranno essere approvati in sede di Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica.
    Saranno ammesse esclusivamente le richieste accompagnate da progetti di impianto non sovrapponibili a quelli realizzati in precedenza attraverso finanziamenti comunitari, statali, regionali o provinciali, concessi o erogati negli ultimi 5 anni.
    La relazione prefettizia sulla richiesta di finanziamento oltre a certificare i requisiti di ammissibilità, dovrà contenere un rapporto sui fenomeni di criminalità diffusa dell'area urbana dove è prevista l'installazione del sistema di videosorveglianza e attestare l'indice di delittuosità registrato nel comune nell'anno precedente a quello di presentazione della richiesta.
    Presso la prefettura è istituita una cabina di regia, composta dai rappresentanti delle forze di polizia e della polizia locale, con il compito di monitorare lo stato di attuazione del patto, anche ai fini di informare, da parte del prefetto, l'ufficio per il coordinamento e pianificazione delle Forze di polizia del dipartimento della pubblica sicurezza, individuato quale punto di riferimento per le iniziative in materia di sicurezza urbana.

   Tutte le informazioni operative sono consultabili sul sito web della Polizia di Stato.