'Cresco le mie nipoti, orfane di una vittima di femminicidio' - Cronaca KriTere.com



   "Le vittime lo sanno cosa accadrà, se lo sentono, sanno di essere ormai delle predestinate". Queste le parole di Vittoria (nome di fantasia), madre di una vittima di femminicidio e nonna affidataria delle due nipoti orfane di madre. "Avevano portato le bambine all'asilo, io ero andata a lavoro. Poi lui, che voleva ritornare con lei, l'ha ammazzata e si è ucciso. Purtroppo queste storie sono tutte uguali": così Vittoria ricorda quel giorno di 6 anni fa in cui la figlia Sara, insegnante di 37 anni, fu strappata alla vita.

    La donna, che si era già trasferita da Sara quando la coppia si era separata, ha avuto immediatamente l'affidamento delle due bambine, che all'epoca avevano 3 anni, la più grande, e 18 mesi la più piccola. "Sempre le stesse storie sentiamo", ripete al telefono, con quella rabbia che sale pensando a quella giornata, la rabbia di chi non può e non vuole rassegnarsi. "La storia inizia e finisce come tutte le altre: lui voleva ritornare ma a queste persone non piace essere rifiutate, questi uomini si sentono i padroni della donna, padroni dei bambini e non accettano assolutamente alcun no", dice. Quello che fa più soffrire, spiega all'ANSA Vittoria, è "pensare a ciò che ha subito mia figlia nei sei mesi precedenti alla morte: lo stalking. È stata una cosa orribile. Era terrorizzata. Le faceva chiamate e mandava messaggi continui, anche di notte" e poi "ce lo trovavamo sempre nei pressi di casa" nonostante le denunce.

    "Le denunce ci sono state, sarebbero anche dovuti andare dal giudice per stabilire l'affido dei bambini" ma quell' udienza per l'affidamento, però, non è mai avvenuta perché 10 giorni prima "lui l'ha ammazzata". Un uomo che non accettava di non decidere più sulla vita dell'ex compagna e su quella delle figlie. "Gli uomini uccidono le donne perché credono siano di loro proprietà", ripete puntando anche il dito su un sistema che non funziona: "ll reato di stalking deve essere realmente punito, non come fanno adesso con l'allontanamento. Denunciare a volte serve ad incattivirli come era successo a lui. Certo bisogna farlo ma penso che le istituzioni debbano capire che sono cose serie. Che non stiamo giocando, che non lo stiamo dicendo perché vogliamo 'fare' le vittime perché noi donne siamo vittime, vittime predestinate". Sì, vittime predestinate ripete: "Mia figlia lo sapeva cosa sarebbe accaduto. Io purtroppo forse avevo un po' sottovaluto il problema perché quando lei mi diceva 'mi ammazzerà', io non ci credevo. Ripetevo: 'ma figurati se sarà capace di un'azione del genere', invece era tutto premeditato, e l'ha fatto". "Pensi che si è fatta l'assicurazione sulla vita solo qualche giorno prima della morte". Ora Vittoria va avanti, perché ha due bambine a cui pensare: "Cerco di essere forte. Sono orgogliosa di me perché ho due bambine meravigliose. Diciamo che il mio compito lo sto assolvendo", ripete. Per le sue nipoti che non sanno ancora cosa veramente è successo alla loro mamma, cosa e chi l'ha portata via e perché "è volata in cielo", la signora Vittoria ha le idee chiare sul da farsi: "Cosa possiamo fare per rendere forti questi bambini? Io personalmente ho scelto la cultura e il sapere". Sicuramente qualche aiuto ai bambini orfani di femminicidio viene dato anche da alcune istruzioni "come la Regione Lazio" ci dice Vittoria.

    Oggi per esempio, alla presenza del Presidente ISMA Enrico Gasbarra e della consigliera regionale Michela Di Biase, è stato infatti presentato un nuovo bando che destinerà 50 borse di studio agli
orfani di femminicidio del Lazio. Quello però che bisogna fare veramente: "È cambiare radicalmente la società, ma come?" si chiede. "Questa società è in mano agli uomini e per questo la dovremmo cambiare". "Cosa direi alle ragazze che subiscono qualsiasi tipo di violenza? Scappa. Scappa, perché se vai a denunciare le forze dell'Ordine non hanno gli elementi per aiutarti, non li hanno. Non hanno le 'armi'. Io inizialmente avevo proposto a mia figlia di andare via ma lei diceva: tanto mi trova. Quindi dico: scappa finché sei in tempo", conclude.
    

🔽 Continua a leggere e condividere 🔽