E' polemica sull'abbattimento di mufloni all'isola del Giglio - Cronaca KriTere.com



E' polemica sull'abbattimento dei mufloni all'Isola del Giglio. Per il Parco dell'Arcipelago Toscano è una specie aliena e dannosa per la biodiversità, da catturare e controllare nel numero di capi. Ma gli animalisti insorgono.

"Il muflone è una delle 59 specie cacciabili, non è in via di estinzione e non è protetta, e soprattutto è una specie aliena e invasiva che crea danni alla biodiversità e che nel mondo è responsabile dell'estinzione di almeno tre tipi di piante", dice Giampiero Sammuri, presidente del Parco dell'Arcipelago Toscano. "Si tratta di attività di controllo che vengono svolte da tutti i parchi - sottolinea  Al Giglio stimavamo da 40 a 80 mufloni presenti, che vanno eradicati". Per la prima volta il Parco quest'anno, con fondi del progetto Life, ha iniziato a catturare i mufloni, attività che proseguirà nei prossimi mesi affiancando gli abbattimenti. "Dalla primavera a oggi ne abbiamo catturati 20 - spiega ancora Sammuri -: 10 sono stati trasferiti in un centro di recupero animali a Semproniano (Grosseto), e 10 in un'azienda agricola a Miemo, in provincia di Pisa. Attualmente dunque sull'isola stimiamo tra 20 e 60 mufloni. Le attività di cattura continuano, anche se molto dispendiose, gli altri mufloni saranno cacciati".

"Dispiace che a fronte di questo grande sforzo - conclude -, fatto anche per venire incontro alla sensibilità degli animalisti, ci siano tutte queste critiche nei nostri confronti, anche di stampo negazionista dicendo che il muflone è stato portato al Giglio perché in via di estinzione, quando invece è specie aliena e invasiva".

Gli animalisti, però, sono sul piede di guerra. La LAV con il comitato di cittadini Save Giglio, ha scritto una lettera a Pascal Canfin, eurodeputato e presidente della commissione Ambiente del Parlamento europeo, per chiedere l'immediata sospensione del progetto Life LetsGoGiglio, e l'abbattimento dei mufloni all'isola del Giglio. 

Critica anche l'Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) secondo cui, in base al disciplinare operativo per gli interventi di prelievo del muflone al Giglio redatto dall'Ente Parco, "la mattanza dei mufloni dell'Isola del Giglio servirà ai cacciatori per accumulare punti come 'selecontrollori' e a utilizzare il carnaio per l'autoconsumo".

   

🔽 Continua a leggere e condividere 🔽