“Io ed Elettra Lamborghini siamo sorelle”, il test del Dna con la saliva prelevata da una cannuccia


Lo streaming in diretta di questo programma sarà visibile su KRITERE.COM

Kritere.com è il servizio gratuito che permette di guardare anche all'estero tutti i canali TV italiani, film on demande e eventi sportivi.

Flavia Borzone è la presunta figlia di Tonino Lamborghini accusata di diffamazione con la madre. Al processo un test del Dna effettuato da un docente universitario proverebbe al 100% che lei ed Elettra Lamborghini siano figlie dello stesso padre.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it

81 CONDIVISIONI

Immagine

Tonino Lamborghini aveva querelato per diffamazione Flavia Borzone e la cantante lirica Flavia Colosimo, a suo modo di vedere colpevoli di aver dichiarato in diverse interviste e ospitate Tv che lui fosse padre della ragazza. Ora pare esserci una svolta sulla vicenda, visto che ieri, come racconta il Quotidiano Nazionale, nell’aula del tribunale penale di via D’Azeglio a Bologna gli avvocati delle due donne hanno depositato gli esiti della comparazione del Dna tra la loro assistita, effettuata da un docente dell’università di Ferrara, ed Eletta Lamborghini. Risultati che, secondo i legali, proverebbero al 100% che le due siano figlie dello stesso padre.

I risultati del test del Dan sulla saliva di Elettra Lamborghini

La causa per il riconoscimento della paternità si celebra per competenza al tribunale di Napoli, ma ieri le due hanno testimoniato davanti al giudice Anna Fiocchi, spiegando che per risalire al Dna di Tonino Lamborghini, che aveva rifiutato di sottoporsi al test, le due hanno ingaggiato quattro investigatori privati per le indagini difensive, riuscendo ad acquisire una cannuccia con la saliva di Elettra Lamborghini prelevata da un caffè che la cantante aveva bevuto. Il professor Bernardini, avvocato di Lamborghini, ha ribattuto alla questione precisando che si trattava di una questione da discutere in altra sede: "In questo giudizio era già stato chiesto dalla difesa un esame del Dna, che è stato respinto dal giudice. La sede deputata a un simile accertamento è una causa civile. Il punto del processo in atto sono invece le frasi diffamatorie pronunciate nei confronti del mio assistito, dando per scontato che la figlia e l’imputata siano sorelle e trattandolo, per questo, in malo modo".

Flavia Borzone racconta l'incontro con Tonino Lamborghini

Flavia Borzone, che intanto ha ottenuto in primo grado dal Tribunale di Napoli la sentenza di disconoscimento della paternità dell’uomo che aveva sempre reputato suo padre, ha raccontato dell’unico incontro avuto con Lamborghini nel 2019: "Quel giorno mi ha confermato della relazione che aveva avuto con mia madre e che effettivamente avrei potuto essere sua figlia, ma ha detto che non si sarebbe mai sottoposto al test del dna".

81 CONDIVISIONI

Adblock test (Why?)